investire in arte

Robert Indiana

(b. Robert Clark, 1928) prima emerse sull'onda della Pop Art che ha colpito il mondo dell'arte nei primi anni 1960. Grassetto e visivamente abbagliante, il suo lavoro ha abbracciato il vocabolario di segnali stradali e divertimenti lungo la strada che erano comuni in post guerra dell'America. Preveggente, ha usato parole di esplorare temi dell'identità americana, l'ingiustizia razziale, e l'illusione e la disillusione di amore. La comparsa nel 1966 di quello che divenne la sua immagine della firma, LOVE, e la sua conseguente proliferazione dei prodotti non autorizzati, eclissato comprensione da parte del pubblico della pregnanza emotiva e complessità simbolica della sua arte. Questa retrospettiva rivela un artista il cui lavoro, lungi dall'essere sfacciatamente ottimista e positiva, affronta le questioni pi&ug...